Phone Story. Un mobile game discute la mobile phone industry

Translated title of the contribution: Phone Story. A mobile game discusses mobile phone industry

Gabriele Ferri

Research output: Contribution to journalArticleAcademic

2 Downloads (Pure)

Abstract

Il 13 settembre 2011, Apple ha rimosso il videogioco Phone Story 1 dal suo App
Store dopo solo quattro giorni dalla pubblicazione perché, spiega il comunicato
ufficiale, mostrava violenza su bambini e contenuti discutibili 2 . Poco dopo,
il gioco è stato convertito per Android e ospitato nel Market 3 di Google. Nei
giorni seguenti, questa notizia ha attratto l’attenzione di blog e giornali – la
maggior parte dei quali, però, si è concentrata sulla decisione di Apple (è stata
censura?) mentre pochi hanno analizzato Phone Story e i suoi meccanismi vid-
eoludici e satirici.
Paolo Pedercini, principale autore di Phone Story e docente alla Carnegie Mel-
lon University, è l’anima del sito web Molleindustria4 che ospita progetti indip-
endenti di game design per la critica sociale e politica. Già in passato, Pedercini
aveva prodotto diversi giochi controversi ed è un personaggio di primo piano nel
panorama del game design satirico d’autore. Molleindustria ha realizzato Phone
Story in collaborazione con Yes Lab5, uno spazio per la progettazione di azioni
mediatiche creative ospitato dal Hemispheric Institute della New York Universi-
ty e gestito da Yes Men6 – una rete di mediattivisti organizzata da Jacques Servin
e Igor Vamos. Alcune delle azioni di protesta che si sono tenute a New York per
Occupy Wall Street7 sono state ideate e coordinate da Yes Men e Yes Lab.
Translated title of the contributionPhone Story. A mobile game discusses mobile phone industry
Original languageItalian
Pages (from-to)43-46
Number of pages4
JournalG|A|M|E Games as Art, Media, Entertainment
Volume2
Issue number1
Publication statusPublished - 2012
Externally publishedYes

Fingerprint

Dive into the research topics of 'Phone Story. A mobile game discusses mobile phone industry'. Together they form a unique fingerprint.

Cite this